Il Credenza Group ha stretto una partnership di collaborazione professionale con lo Chateau de Maubreuil.

Immerso nel verde, a pochi minuti dal centro della città, lo Château de Maubreuil è il primo stabilimento a 5 stelle nella regione di Nantes. Dalla decorazione di questa casa

Condividi
Intervista a Franca, Chiara e Martina

Virginia Woolf sosteneva che “Dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna”. Figuriamoci dietro tre uomini chi ci deve essere. Semplice: ci sono tre donne eccezionali, Franca, Chiara e

Condividi
Io resto in cucina iniziativa di Tutti Gusti

Anche in periodo di quarantena il nostro Executive Chef, Igor Macchia è in cucina per partecipato all’iniziativa di #Tuttigusti  #iorestoincucinaconLaStampa Un modo simpatico, ideato dal quotidiano torinese La Stamp, per non

Condividi
Il buon gusto passa da La Credenza

Mangiare in un ristorante stellato è sempre un’esperienza unica per chi ama capire e scoprire i segreti della creatività culinaria, che si spingono spesso oltre i confini dell’arte. Ma è

Condividi
Parla Igor Macchia chef a KM0

Il cuoco con l’orto. Nel piatto gli ortaggi appena raccolti Credit: Italia Oggi

Condividi
SP143, com’è la pizza contemporanea in Piemonte di Igor Macchia e Giulio Grasso

Una pizzeria di alta qualità a due passi dalla Palazzina di Caccia di Stupinigi. Un progetto che nasce dalla ristorazione collaudata e di successo de La Credenza e Casa Format.

Condividi
Ristorto Casa Format: il progetto di ristorazione e accoglienza sostenibile

Casa Format, il progetto di ristorazione e accoglienza sostenibile di CREDENZAGROUP, il marchio che racchiude una serie di attività ristorative nel torinese tra cui La Credenza, 1 stella Michelin, e

Condividi
Lo chef Igor Macchia: «La pizza gourmet non esiste»

In «SP 143» il suo nuovo locale torinese il cuoco stellato si cimenta con il famoso piatto: «È un termine abusato per alzare i prezzi: bastano ingredienti ok» Leggi l’articolo

Condividi
Ecco le focaccie stellate con barba di frate e soia

La nuova scommessa degli chef Michelin Giovanni grasso e Ivor Macchia Credits: La Stampa   

Condividi